gototopgototop

Oggi

Area riservata



Pubblicazioni

ULTIME PUBBLICAZIONI

MODIFICATE DI RECENTE

LE PIU' LETTE

 
Home Presentazione

 

La Chiesa ambrosiana considera la parrocchia come forma privilegiata della sua presenza e quindi come particolarmente adatta a disegnare il volto popolare della comunità cristiana. La parrocchia deve continuare ad essere, anche nelle mutate condizioni sociocivili, la forma principale di presenza della missione della Chiesa per la vita della gente.

La rinnovata scelta pastorale della parrocchia da parte della Chiesa ambrosiana si fonda sul fatto che essa realizza un'autentica figura di Chiesa. La parrocchia, infatti, è la comunità dei fedeli che rende visibile la missione della Chiesa in un determinato territorio: essa è un'articolazione pastorale della Chiesa diocesana.
 
In quanto figura di Chiesa, la parrocchia, già per il fatto che il suo ambito di aggregazione è la comunità di vicinato, può diventare segno di comunione. Il territorio è il luogo in cui si rende presente la comunità dei credenti animata dallo Spirito di Gesù, radicata nella Parola e plasmata dall'Eucaristia. Nasce da qui il privilegio della parrocchia a valere come realtà di Chiesa. Essa è il luogo della pastorale ordinaria, nella quale la fede può diventare accessibile a tutti e ad ogni condizione di esistenza. Ciò deriva intimamente dal suo essere «la Chiesa stessa che vive in mezzo alle case dei suoi figli e delle sue figlie» e che «vive e opera profondamente inserita nella società umana e intimamente solidale con le sue aspirazioni e i suoi drammi», diventando «la casa aperta a tutti e al servizio di tutti».
 
Il fatto che la parrocchia sia luogo ordinario della vita cristiana, qualifica la sua azione pastorale come ordinaria, cioè come cura della comunità e di tutte le persone, come attenzione a tutte le tappe dell’esistenza e alle diverse forme della vita cristiana. La parrocchia è luogo nel quale la fede può diventare accessibile a tutti entro le condizioni della vita quotidiana. I diversi aspetti dell’esistenza (quali la professione, il matrimonio, gli impegni personali, sociali e politici) trovano nella vita della comunità parrocchiale il luogo in cui possono essere interpretati e vissuti alla luce del Vangelo.
 
Mèta di questa azione pastorale ordinaria è la formazione del cristiano perché diventi adulto nella fede, membro consapevole della comunità credente e testimone del Vangelo nel mondo. La parrocchia, quindi, ha il compito fondamentale di accompagnare la costante maturazione di ogni vocazione specifica e valorizzare i carismi e i ministeri, coltivandone la complementarietà nella comunità cristiana: l'immagine di Chiesa che la parrocchia presenta deve promuovere sempre più una fraternità evangelica con la variegata ricchezza delle vocazioni. Ciò comporta un profondo rinnovamento nella pastorale e un'attenzione specifica alla formazione della comunità degli adulti.
 
(dal Documento Sinodale del 47° Sinodo della Chiesa Ambrosiana – Diocesi di Milano)

Il giorno 6 aprile 1900 fu emanato dal card. Andrea Ferrari, Arcivescovo di Milano, il decreto di fondazione della Parrocchia san Pietro Apostolo in Sartirana Briantea.

Qui sotto è riportata copia delle tre pagine costituenti il decreto oltre che la concessione del re Vittorio Emanuele III°.

Gli originali sono conservati nell'archivio parrocchiale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 La situazione attuale purtroppo ci impedisce di riunirci per celebrare il 120° anniversario; in attesa di poterlo fare tutti insieme nella nostra chiesa, siamo invitati a recitare in famiglia questa preghiera che ci unisce nel ricordo di questo importante avvenimento per sentirci, anche se separati, una comunità sempre più unita.

 

PREGHIERA PER LA COMUNITA’ PARROCCHIALE
 
O Gesù che hai detto:
” Dove due o più sono riuniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro,”
sii fra noi, che ci sforziamo di essere uniti nel tuo Amore, 
in questa comunità parrocchiale.
Aiutaci ad essere sempre “un cuore solo e un’anima sola”, 
condividendo gioie e dolori, 
avendo una cura particolare per gli ammalati, gli anziani, i soli, i bisognosi.
Fa che ognuno di noi si impegni ad essere vangelo vissuto, 
dove i lontani, gli indifferenti, i piccoli 
scoprono l’Amore di Dio e la bellezza della vita cristiana. 
Donaci il coraggio e l’umiltà di perdonare sempre, 
di andare incontro a chi si vorrebbe allontanare da noi, 
di mettere in risalto il molto che ci unisce e non il poco che ci divide. 
Dacci la vista per scorgere il tuo Volto 
in ogni persona che avviciniamo e in ogni croce che incontriamo.
Donaci un cuore fedele e aperto, 
che vibri a ogni tocco della tua parola e della tua grazia.
Ispiraci sempre nuova fiducia e slancio per non scoraggiarci
di fronte ai fallimenti, alle debolezze e alle ingratitudini degli uomini. 
Fa che la nostra parrocchia sia davvero una famiglia, 
dove ognuno si sforza di comprendere, perdonare, aiutare, condividere; 
dove l’unica legge che ci lega e ci fa essere veri tuoi seguaci, 
sia l’amore scambievole. Amen.

 

Altri articoli...

Papa Francesco

Calendario

Ottobre 2020
D L M M G V S
27 28 29 30 1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Calendario liturgico

Tutti i Santi
(Domenica 01 Novembre 2020)

Commemorazione dei defunti
(Lunedì 02 Novembre 2020)

Cristo Re
(Domenica 08 Novembre 2020)

Prima domenica di Avvento
(Domenica 15 Novembre 2020)

Immacolata Concezione
(Martedì 08 Dicembre 2020)

Natale
(Venerdì 25 Dicembre 2020)

S. Stefano
(Sabato 26 Dicembre 2020)

Cerca nel sito

Ultimo aggiornamento

Venerdì 23 Ottobre 2020, 11:41

Questo sito usa i cookies per autenticazioni e per migliorare la navigazione. Per maggiori informazioni puoi consultare la nostra cookies policy.

Accetto i cookies da questo site.